Wishlist – Gennaio 2017

Ecco il post mensile in cui vi mostro le aggiunte alla mia wishlist del mese).

61i5UcwCIjL._SX324_BO1,204,203,200_

Follemente felice – Jenny Lawson

Una sincerità spietata che se non fosse esilarante sarebbe quasi crudele. Un’autoironia esagerata capace di creare una gioia contagiosa. Ecco il mondo di Jenny Lawson, che fa ridere fino alle lacrime. D’altronde cosa puoi fare se ti ritrovi affetta da depressione cronica, agorafobia, autolesionismo e artrite reumatoide? O soccombi o decidi che sarai comunque felice. Anzi, follemente felice. Se la gente ti considera un po’matta, tanto vale fare tutto quello che ti passa per la testa. Per esempio, andare in Australia travestita da koala, organizzare un rodeo notturno con i tuoi gatti, noleggiare bradipi e canguri per la gioia di tuo marito (che, nonostante tutto, ti adora), inseguire ufo e tornado, o rifugiarti sotto le coperte, perché certi giorni l’ansia è troppo forte e semplicemente non puoi fare altro. Ma in un angolo della tua mente sai che appena avrai la forza di rialzarti, tornerai a gettarti senza freni nel presente, perché qui sta la differenza tra sopravvivere e vivere.

41hoJhxO0kL._BO1,204,203,200_Vorrei che da qualche parte ci fosse qualcuno ad aspettarmi – Anna Gavalda

Un rendez-vouz amoroso guastato dallo squillo del cellulare, la notte brava di due diciottenni con la Jaguar di papà, il segreto di un padre di famiglia, la crudele avventura di un veterinario. In dodici racconti, Anna Gavalda delinea altrettanti piccoli quadri accomunati dall’attesa che un desiderio venga colmato. Tratte dal quotidiano, con personaggi che spaziano dal giovane militare in licenza alla rockstar bruciata, dall’aspirante scrittrice alla coppia annoiata di nuovi ricchi, le storie esplorano un momento della vita in cui qualcosa, inevitabilmente, comincia a scivolare verso una direzione imprevista.

 

51dkipXeXbL._SX320_BO1,204,203,200_Amore Amore – Dan Rhodes

101 microracconti composti esattamente da 101 parole si susseguono in questo libro poetico e originalissimo, in una turbinante carrellata: storie d’amore brillanti, tristi, comiche, bizzarre, violente, dolci, stupide, ingenue, strazianti. Tanti e di tanti tipi sono gli innamorati descritti e le loro pene d’amore: ci sono amanti che si immedesimano nel dolore degli ex, coppie che parlano all’infinito senza riuscire a capirsi o che si amano senza mai parlarsi, ma c’è anche chi precipita in un profondo stato catatonico, e chi invece sceglie di affogare il dolore nello yogurt. Uno sguardo acuto e divertito sull’amore e sulle sue vicissitudini condensato in 101 pillole originalissime da uno scrittore geniale ed eccentrico, considerato tra le migliori voci della narrativa contemporanea inglese. 101 quadri di vita amorosa moderna.

51Z1PbDUATLLa locanda degli amori diversi – Ito Ogawa

In piedi sulla banchina del treno, Chiyoko se ne sta immobile, incapace di muovere il passo decisivo che la separa dai binari. Non ha nemmeno vent’anni, indosso la divisa da liceale e sul viso l’aria apatica di chi non ha ormai alcun rimpianto. A Izumi, trentacinquenne separata che ogni sera alla stessa ora rientra dal suo lavoro part-time, basta uno sguardo per comprendere quali siano le intenzioni di quella ragazza dagli occhi limpidi come quelli di un cerbiatto. La afferra per un braccio e, con un gesto disinvolto, la tira verso di sé, salvandole la vita. Per Izumi, Chiyoko è solo un’estranea, eppure le viene spontaneo invitarla a cena nella propria casa e rivelarle gli aspetti più intimi della propria vita, come il fatto che il marito l’abbia lasciata sei mesi prima e lei ora viva sola con il figlio Sòsuke di sei anni. Un’oscura, inspiegabile attrazione la spinge, infatti, a desiderare la compagnia della ragazza. Quando perciò Chiyoko le confessa di essere stata ripudiata dai genitori a causa della propria omosessualità e di voler fuggire, andarsene per sempre e raggiungere il posto che ha la fama di possedere il cielo e le stelle più belli di tutto il Giappone, Izumi, dapprima terrorizzata dalla prospettiva della fuga con una giovane donna, inizia a considerare affascinante l’idea di un posto nuovo dove poter ritrovare se stessa, le sue idee, la sua libertà. Con i soldi del divorzio acquista un vecchio pulmino Volkswagen, ci infila dentro il minimo indispensabile e lascia la città insieme a Chiyoko e Sòsuke, dirigendosi in un piccolo villaggio sperduto tra le montagne. Qui le due donne si occupano di rimettere in sesto una casa in rovina trasformandola in una locanda, sulla cui facciata appendono una bandiera arcobaleno che garrisce al vento. In breve la «Locanda Arcobaleno» diventa un accogliente punto di ritrovo per viaggiatori, dove le proprietarie non si limitano a offrire ristoro alle fatiche del viaggio, ma anche, e soprattutto, alle ferite dell’anima. Il destino, però, ha approntato per Chiyoko e Izumi una prova ancora più ardua della loro fuga, la più grande sfida che la vita riserva alla forza stessa dell’amore.

516CczPzMyL._SX318_BO1,204,203,200_Mangia prega ama – Elizabeth Gilbert

Liz è bella, bionda, solare; ha una grande casa a New York, un matrimonio perfetto, un lavoro invidiabile. Eppure, in una notte autunnale, si ritrova in lacrime sul pavimento del bagno, con l’unico desiderio di essere mille miglia lontana da lì. Quella notte, Liz capisce di non volere niente di tutto quello che ha, e fa qualcosa di cui non si sarebbe creduta capace: si mette a pregare. Come reagireste se Dio (o qualcosa che gli assomiglia) venisse a toccarvi il cuore e la mente, non per invitarvi alla pazienza e alla rassegnazione, ma per dirvi che avete ragione, quella vita non fa per voi? Probabilmente fareste come Liz: tornereste a letto, a pensarci su. A raccogliere le forze, perché il bello deve ancora venire. Un amarissimo divorzio, una tempestosa storia d’amore destinata a finir male e, in fondo, uno spiraglio di luce: un anno di viaggio alla scoperta di sé. In questo irresistibile diario-confessione, Elizabeth Gilbert ci racconta le tappe della sua personalissima ricerca della felicità: l’Italia, dove impara l’arte del piacere, ingrassa di 12 chili e trova amici di inestimabile valore; l’India, dove raggiunge la grazia meditando in compagnia di un idraulico neozelandese dal dubbio talento poetico; e l’Indonesia, dove uno sdentato sciamano di età indefinibile le insegna a guarire dalla tristezza e dalla solitudine, a sorridere e a innamorarsi di nuovo. “Mangia prega ama” è la storia di un’anima irrequieta, con cui è impossibile non identificarsi.


Per ogni titolo ho inserito un link che vi porta direttamente su Amazon. Essendo un’affiliata, se deciderete di acquistare un libro cliccando sui link creati, contribuirete al sostentamento del mio blog e della mia pagina fb. Vi ringrazio sin da ora se vorrete farlo!

 

 

Precedente Novità - Gennaio 2017 Successivo Book Haul - Gennaio 2017