Top 3 #6

scoperte

Buona domenica lettori! Questo è il 6° appuntamento con la Top 3, rubrica settimanale in cui vi mostro i 3 libri scoperti durante la settimana e che fanno parte della mia wishlist. Curiosi? Iniziamo subito!

#1 – Una telefonata dal paradiso – Mitch Albom

telefonata paradisoÈ una mattina come tante a Coldwater, sul lago Michigan. La stagione turistica è finita e la città si prepara alla tranquillità sonnolenta dell’autunno: pochi negozi aperti, parcheggi vuoti e la tavola calda di Frida di nuovo semideserta.
Accade così, all’improvviso: i telefoni cominciano a squillare. Il primo è quello di Tess, che riceve una chiamata dalla madre. Poi quello di Jack Sellers, che ne riceve una dal figlio, e di Katherine Yellin, dalla sorella. Per ultimo tocca a Elias Rowe, con una telefonata che arriva da Nick, un suo ex dipendente. Tutti dicono di essere in paradiso. Impossibile contenere una simile notizia nei confini della città: il mondo deve sapere che la morte non è la fine di tutto. Coldwater è invasa dai media, ma anche da migliaia di fedeli richiamati dal miracolo più straordinario mai accaduto.
Solo Sully Harding, tornato in città dopo la prigione e la perdita della moglie, sospetta che si tratti di una grande truffa. Mentre tutti sono in balia della “febbre da miracolo” – anche il suo bambino tiene sempre con sé un telefono giocattolo sperando che la mamma lo chiami – Sully va a caccia della verità. Ma quel che scopre è molto lontano da ciШ che si aspettava. Spostandosi tra la storia dell’invenzione del telefono e il mondo contemporaneo ossessionato dal la comunicazione, Mitch Albom ci guida in una corsa a perdifiato di frenetica speranza. Un romanzo sulla fede e sulla redenzione che emoziona, fa riflettere e dubitare.

 

Cosa dicono i lettori…

@Marilla: “ La storia è bella, ben scritta, fa riflettere sull’uso del telefono e sulla sua creazione, ma sembra un po’ “tirata”, il finale è scontato.” (3/5)

@Paola: “E’ molto toccante ma troppo prolisso, confronto agli altri libri bisogna starci un po’ troppo dietro x ricordarsi i protagonisti.” (4/5)

@Express: “Un romanzo sulla fede e sulla redenzione che emoziona, fa riflettere e dubitare” (5/5)


 

#2 – The program – Suzanne Young

the programSloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.

Cosa dicono i lettori…

@Stefania: “Ho divorato questo libro e mi sono ritrovata ad amare moltissimo i personaggi anche quelli secondari e devo dire che mi ha portato anche un pochino a riflettere sull’importanza dei ricordi e del nostro vissuto. Consigliato a chi ama i distopici conditi da una bellissima storia d’amore, ma che vuole anche riflettere sull’importanza dei ricordi per segnare la nostra vita e il nostro vissuto.” (5/5)

@Flavia: “Libro molto appassionante, che sin dalle prime pagine ci cattura senza altra soluzione se non quella di giungere alla fine… che purtroppo fine non è visto che è il primo di una trilogia.
Scritto in maniera molto fluida riesce a coinvolgerci completamente facendoci provare tutte le emozioni dei protagonisti, dall’ansia continua alla dolce gioia dell’amore.” (4/5)

@Elena: “Il filo conduttore della storia è interessante, lo stile abbastanza scorrevole, nei dialoghi c’è anche quel tocco di umorismo ed ironia che rende piacevole la lettura. Però… ho trovato qualcosa che stride. In alcuni tratti ci sono delle forzature, si allungano situazioni o dialoghi che sono già stati descritti. In qualche punto invece si salta qualche spiegazione che farebbe comodo avere. Infine questi adolescenti, in certi atteggiamenti, mi sono sembrati troppo adulti.” (3/5)

#3 – La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin – Enrico Ianniello

vita prodigiosa isidoro sifflotinSulla caviglia dello stivale Italia, là dove sta l’osso pezzillo, nasce il nostro eroe, Isidoro Sifflotin. Nella casetta di Mattinella, che sta su da trecento anni e “non crollerà mai”, il prodigioso guagliunciello Isidoro affina una dote miracolosa, ricevuta non si sa come da Quirino – il padre strabico, poetico e comunista – e da Stella, la mamma pastaia. Qual è questa dote? La più semplice: Isidoro sa fischiare, e fischia in modo prodigioso. Con il suo inseparabile merlo indiano Alì dagli sbaffi gialli, e l’aiuto di una combriccola stralunata, crea una lingua nuova, con tanto di Fischiabolario, e un messaggio rivoluzionario comincia magicamente a diffondersi. Proprio quando il progetto di un’umanità felice e libera dal bisogno sta per prendere forma, succede qualcosa che mette sottosopra l’esistenza di Isidoro. “Tutto quello che cresce si separa”: con addosso questo insegnamento di mamma Stella, Isidoro, ormai ragazzo, scopre Napoli e si imbatte, senza neanche rendersene davvero conto, in un altro linguaggio prodigioso e muto: quello dell’amore.

Cosa dicono i lettori…

@Tiziana: “Scorrendo le pagine in una lettura che palpita ed emoziona, senti la storia entrare dentro di te e la partecipi, la vivi e la senti diventare sempre più tua. Ianniello non ha solo scritto: egli si è messo in ascolto, ha osservato e con la sensibilità di un grande e poliedrico artista ha dato voce a a luoghi, a sentimenti, a persone, ha comunicato non solo con le parole, ma soprattutto con il suono segreto del cuore.” (5/5)

@SabinaG: “Ha tutto cio’ che si possa desiderare da un libro: una bella storia, personaggi originali e memorabili, emozioni, intrattenimento, colpi di scena. Fra favola surreale e la realta’ piu’ vera, e’ una storia che fa riflettere sui valori fondamentali della vita’, e sulla sua brevita’, sulla diversita’ e le ingiustizie di questo mondo, ma tutto attraverso occhi amorevoli ed ottimisti. Partenopei. Consigliatissimo!” (5/5)

@Mariagrazia: “Ho riso, ho riflettuto e ho pianto!!! Ho sentito delle emozioni fortissime!!
Sono stata letteralmente conquistata da Isidoro che ha trasformato la mia Irpinia in un magico mondo!!
La cosa più bella di questo libro secondo me, è che.appena lo di termina, si ha voglia di ricominciare a leggere subito!” (5/5)


Come avete visto, sotto ogni libro, vi mostro l’opinione di alcuni lettori presa dal web. Se anche voi volete dire la vostra su questi libri, commentate qui sotto e inserirò la vostra opinione nell’articolo!

firma

 

Precedente Recensione di "Lezioni d'amore per amanti imperfetti" Successivo Tracce di "Lezioni d'amore per amanti imperfetti"