Storie fantastiche di gente comune – Stefano Valente | Recensione

Titolo: Storie fantastiche di gente comune

Autore: Stefano Valente

Pagine: 146  – Prezzo: 3,99 (ebook) – 10,20 euro

Keywords: eroe, ideali, coraggio.

Stelle: ☆☆☆/5


Acquista QUI


Premiato al Concorso Letterario Internazionale Jacques Prévert 2018 come”Opera segnalata dalla Giuria”Un eroe non è un impavido guerriero, un martire, o un conquistatore di consensi popolari. Un eroe è semplicemente una persona. Un eroe è il prescelto di se stesso, colui che compie una scelta per un bene a lui caro.Naturalmente,una scelta audace.Io, la Voce Narrante, canterò le gesta di tre eroi che hanno compiuto la loro scelta. Paolo, un militare devoto all’uniforme e fedele alla Patria, che ha rinunciato al suo status di militare per inseguire il suo bene.Il secondo eroe è Chiara, un’affascinante ragazza dall’intelligenza fuori dalcomune che, attraverso la ragione, vi condurrà in un viaggio fantastico tranozioni scientifiche e colpi di scena.Infine c’è Matteo, un brillante avvocato che dovrà rimediare ad un imperdonabile errore. Casi irrisolti, verità nascoste e false speranze comporranno la strada che Matteo dovrà percorrere fino all’attuazione della giustizia.


Guarda la foto su Instagram


“Gli eroi sono così, fanno delle scelte consapevoli del rischio. (…)Gli uomini sono speciali, solo che non lo sanno”.

Paolo, Chiara, e Matteo, sono i protagonisti di queste tre storie. Sono tre ragazzi come tanti. A distinguerli dalla massa sono però i principi, gli ideali, in cui credono fermamente, e a cui non rinuncerebbero nonostante il pericolo, o le possibili conseguenze.

Ogni episodio viene raccontato dallo stesso protagonista, in prima persona. Lo scrittore, attraverso la Voce Narrante, ci indirizza verso la storia, ci chiarisce alcuni punti del racconto, ci aiuta a capire meglio i personaggi. Stefano Valente è molto bravo in questo, ed ho trovato il suo modo di scrivere brillante ed interessante; anche se i troppi dettagli tecnici forniti e le troppe spiegazioni a volte mi hanno allontanato dalla storia.

Di per sé le tre vicende non hanno nulla di eccezionale. Sono piuttosto prevedibili nella loro trama. A renderle “fantastiche” é l’epilogo, che potremmo aspettarci o meno, ma che rende ai nostri occhi il protagonista un eroe.

“Un eroe non è un impavido guerriero, un martire o un conquistatore di consensi popolari; un eroe é semplicemente una persona. Un eroe è il prescelto di se stesso, colui che compie una scelta per un bene a lui caro. Naturalmente, una scelta audace.”

Un punto di vista, questo, che mi piace. Il libro è intriso di buoni sentimenti, é una lettura che invita all’azione, al coraggio. Ci ricorda che le “buone azioni” non possono attirare negatività.
Storie fantastiche di gente comune è una lettura piacevole e non impegnativa. I tre episodi fanno pensare e pongono implicitamente una domanda: “Che cosa avremmo fatto noi, nei panni di Paolo, Chiara e Matteo? Dentro di noi c’è un eroe assopito?” Sta a ognuno di noi dare una risposta.

Leggetelo e poi ne riparliamo! Buona Lettura!


Stefano Valente (Roma, 1990) è un graduato dell’Aeronautica Militare. Ha conseguito la Laurea in Scienze Organizzative e Gestionali presso l’Università degli Studi della Tuscia a Viterbo. Storie Fantastiche di Gente Comune è il suo libro d’esordio.


Recensione a cura di:

rita calistri
Precedente I migliori inizi capitano dopo i peggiori finali - Giovanna Di Carlo | Recensione Successivo Novità in libreria - Agosto e Settembre