Piccole donne

Titolo: Piccole donne
Autore: Louisa May Alcott
Editore: Newton Compton (I mammut)
Pagine: 178
Prezzo: (9,90 – I magnifici 7 capolavori della letteratura per ragazze)
Genere: classico
—————————————————————————————————————————————————–

Immaginatevi in America, in una casetta umile del 1800, animata da 4 ragazze giovani e 2 adulti che vegliano su di loro. Immaginatevi a guardare il mondo esterno da una finestra appannata, segno del  forte contrasto tra il freddo esterno e il calore interno portato dal fuocherello che scoppietta nel camino. 
Bene, state per passare il Natale in compagnia della famiglia March:
  • Signora March: madre delle 4 ragazze, la madre che tutti sognano; buona, saggia, dispensatrice di ottimi consigli…praticamente perfetta!
  • Margaret: detta Meg, la figlia più grande, bella, responsabile, giudiziosa, apprezzerebbe volentieri una vita più agiata ma non si lamenta eccessivamente e gode di quello che ha
  • Josephine: detta Jo, è “il figlio maschio” che se ne frega delle buone maniere, è strana e impulsiva; ama la lettura, la scrittura ed è molto determinata
  • Elizabeth: detta Beth, non ha grandi ambizioni se non quella di essere amata da tutti e svolgere i suoi doveri. Ama la musica, e sopratutto il suo pianoforte.
  • Amy: è la più piccola. Viene chiamata “Raffaello” grazie al suo talento per il disegno. Ogni volta che può disegna tutto ciò che si trova davanti ed essendo ancora piccola fa fatica ad accettare molte volte alcune ristrettezze imposte dalla situazione economica familiare
  • Hannah: la domestica, ormai parte della famiglia dalla nascita di Meg, aiuta a tenere a bada le ragazze e a svolgere le mansioni in casa

Dicevo…

Il Natale è vicino, ma purtroppo non sarà un Natale facile, non ci sono molti soldi per i regali e il papà delle fanciulle non sarà presente ai festeggiamenti, causa guerra. 

Nonostante ciò questa sarà una delle tante difficoltà che si troveranno ad affrontare, perchè non basterà rinunciare a qualche prelibatezza per il bene di qualcun altro più bisognoso, non basterà farsi deridere durante una serata importante, non basterà rischiare la vita, non basterà perdere un pezzo di sè per recuperare qualche spicciolo…
Voi sarete presenti, sarete lì con loro quando soffriranno per tutte queste cose, asciugherete le loro lacrime, e piangerete con loro all’occorrenza; ma sarete li con loro anche quando salteranno di gioia per i traguardi raggiunti e per le lezioni imparate. Farete la conoscenza dei loro vicini e passerete il vostro tempo a giocare, conoscervi meglio e realizzare idee strampalate.
Senza che neanche ve ne rendiate conto, un anno passerà sotto i vostri occhi, e ritornerà un nuovo Natale da festeggiare…ma il “fardello” che si portavano dietro le ragazze March, e anche voi (perchè nel frattempo sarà comparso anche il vostro di “fardello”) sarà più leggero e potrete guardare per l’ultima volta fuori da quella finestra, con il fuocherello che scoppietta alle vostre spalle, consci del fatto di aver fatto parte di una famiglia speciale, che dalle difficoltà trae la forza per migliorarsi e che (ma questo lo sappiamo solo oggi) vi aspetterà per altre avventure insieme ne “Piccole donne crescono”
Il vero talento o la bontà non rimangono ignorate a lungo, non temere. E anche se questo accade, la coscienza di possedere queste qualità e di farne uso con giudizio, basterebbe a dar soddisfazione, il gran fascino della forza proviene dalla modestia.
In questo racconto il narratore è esterno ed ogni tanto esprime il suo punto di vista, precisando qualche passaggio.
La lettura procede scorrevole, e le scene sono descritte in modo tale da farti immaginare il necessario senza eccedere con dettagli inutili.

—————————————————————————————————————————————————–

Stato d’animo: altalenante
Atmosfera: Serate invernali vicino al fuoco
Rimedi:    – Aumenta la capacità di sopportazione dello stress derivato da situazioni difficili
                 – Diminuisce l’egoismo facendo pensare di più al bene degli altri
                 – Fa apprezzare la famiglia e le amicizie nonostante i difetti e le difficoltà
                 – Tiene compagnia in caso di eccessiva solitudine


VOTO:
 





Successivo TAG: Intervista

2 thoughts on “Piccole donne

  1. un classico per ragazzi (forse più per le femminucce) che da adulte leggiamo e rileggiamo sempre molto volentieri!!

  2. Si, anche se io non l'avevo mai letto prima…Ma forse meglio così perchè probabilmente non mi ci sarei più avvicinata una seconda volta, perdendomi molti dettagli che solo così ho potuto notare! 😉

I commenti sono chiusi.