Novità in libreria – Dicembre 2018

Buongiorno lettori! Ecco a voi le novità di dicembre! Buona lettura!

L’irreversibilità dell’uovo sodo  –  31 dicembre

(Dario Pontuale – Augh!)

Gabriele Grodo è un giovane e demotivato investigatore privato che vive alla giornata, subendo le decisioni altrui. La sua monotona quotidianità viene interrotta dalla telefonata di un ricco signore che gli propone un incarico bizzarro: consegnare una lettera per decretare la fine di una partita a scacchi, iniziata per corrispondenza dieci anni prima. Gabriele verrà catapultato in un viaggio inaspettato in cui, tappa dopo tappa, si ritroverà immerso in riflessioni che lo condurranno a fare un bilancio della propria esistenza, verso un’unica consapevolezza: nonostante le mosse sulla scacchiera della vita non ammettano correzioni, non è mai troppo tardi per una contromossa che ne neutralizzi le conseguenze. Rompere il guscio che intrappola il protagonista nella propria inettitudine si rivelerà la chiave di volta per liberarne dalle “tenebre” il cuore, le passioni, lo spirito.


I luoghi di Lovercraft – 6 dicembre

(Michele Mingrone, Sara Vettori, Caterina Scardillo – Nicola Pesce Editore)

“Volete mangiare del buon pesce a Innsmouth? Sognate di organizzare la vostra luna di miele sulle Montagne della Follia? Vi piacerebbe assaggiare una ricetta tipica delle Terre del Sogno? A queste e a molte altre domande cerca di dare una risposta la prima, autentica guida turistica illustrata dei luoghi lovecraftiani, realizzata pensando alle più elementari esigenze dell’incauto viaggiatore. Da Arkham a Dunwich, da R’lyeh all’onirica Celephais, “I luoghi di Lovecraft” si rivela a ogni pagina come una semiseria Lonely Planet d’epoca, pronta ad accompagnarvi in un percorso negli abissi più innominabili inventati dal visionario di Providence.”


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/61tGJjdGf8L.jpgRivoluzione al femminile – 10 dicembre

(Daniela Cecchi – Persiani)

Quale strada attende la donna che vuole dirsi effettivamente libera? La rivoluzione femminista ha comportato non soltanto l’emancipazione dall’antico ruolo di “serva in casa”, ma ha anche prodotto distorsioni che oggi si manifestano in nuovi vincoli psicologici e sociali che spesso impediscono alla donna di vivere la propria vita come una realizzazione di sé “al femminile”. In questo libro l’autrice segue un percorso che abbraccia diversi e vasti ambiti: dalla psicologia allo studio della mitologia in chiave simbolica, dall’osservazione dei rapporti familiari all’esame biologico del corpo femminile, in un’analisi che vuole essere al contempo sia uno studio psico-sociologico, che un vero e proprio vademecum per la donna libera.


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41Lgiz8b3IL._SX320_BO1,204,203,200_.jpgEpiche, amiche e innamorate – 18 dicembre

(Chiara Bernocchi – Bookabook)

Donne che sono state abbandonate dall’uomo che amano, donne che aspettano il ritorno dell’amato, donne che sono state tradite, donne che inseguono l’oggetto d’amore, donne che sono state umiliate e vogliono vendicarsi. Donne con temperamenti e destini diversi, ma tutte accomunate dalla medesima sorte: soffrire per amore. Didone, Medea, Penelope, Calipso, Eco, Dafne, Andromaca, Arianna, Psiche, Deianira: eroine epiche, amiche e innamorate si raccontano l’un l’altra i reciproci tormenti amorosi. Tramite le loro lettere ricche di pathos, il lettore compie un viaggio nella mitologia greca alla scoperta del più potente dei sentimenti, l’amore, a cui pare non riescano a sfuggire nemmeno le divinità.


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41CNZ8tye1L._SX323_BO1,204,203,200_.jpgLa sconfitta degli eroi – 13 dicembre

(Flavia Balsamo – Bookabook)

Il protagonista è un uomo che può camminare sulle acque ma che non vi si può immergere, un uomo colpito dal dramma di aver perso la donna amata, di non essere riuscito a salvarla proprio a causa del suo potere. Mario proverà a vincere la solitudine cercando altri eroi come lui, lo farà seguendo degli indizi nascosti tra le pagine dei libri, finendo così in un mondo parallelo. Con lui, per caso o destino, anche una ragazza come tante, grazie alla quale riscoprirà la vicinanza. In quel mondo, dove sono banditi tutti i pensieri malvagi e dove i sentimenti di rancore, gelosia, invidia, soffocano nel petto, l’unico modo per vivere una vita di agi e confort è scrivere. E se poter avere tutto significasse infine non avere niente? Se la chiave fosse la rivolta?


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41bFoJ5rX1L._SX323_BO1,204,203,200_.jpgL’amore sublime – 13 dicembre

(Eleonora D’Errico – Bookabook)

Clelia, un’affascinante donna di trentadue anni, scompare da Argento, dove lavora come giornalista e dove vive con il marito Corrado Monno, sindaco del paese. A due anni dalla scomparsa, il suo corpo viene ritrovato privo di vita sugli scogli di Porto Luce, piccolo borgo del sud Italia. Dai primi accertamenti, la donna sembra essere morta per cause naturali, così il caso viene presto chiuso.
Matteo, collega e amico da sempre innamorato di Clelia, non crede a questa versione dei fatti e inizia a indagare a ritroso sulla vita della donna, aiutato da Carlo, questore di Porto Luce, e da Vanessa, migliore amica della donna. Verranno a galla inquietanti segreti, che faranno luce sulle menzogne di un sistema sotterraneo e corrotto, che tra ricatti, paure e tangenti ha portato a insabbiare la verità sulla vita e sulla morte della giovane donna.


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41VHtIBBCYL._SX346_BO1,204,203,200_.jpgLa vita oltre – 6 dicembre

(Roberto Zanda “Massiccione” – Baldini+Castoldi)

All’inizio del 2018 ha suscitato molto clamore l’incredibile storia di Roberto Zanda. Ultramaratoneta sardo sessantenne, Zanda, conosciuto come «Massiccione» per la sua tempra, è impegnato nella Yukon Arctic Ultra, una corsa di 480 chilometri tra le nevi canadesi, conosciuta come una delle gare più dure al mondo per le temperature assurde da affrontare: fino a 50 gradi sotto zero. Già le premesse sono folli, ma qualcosa nell’organizzazione va storto, Zanda, secondo in classifica, si perde e prima che venga soccorso passano ben quattordici ore in cui rischia la morte per ipotermia. Sopravvive da solo, camminando a mani e piedi nudi per una notte e un giorno fino alla salvezza. Ma al rientro in Italia dovranno amputargli le gambe, la mano destra e metà della sinistra. Quella di Massiccione, però, non è solo la storia di un sopravvissuto: la sua vita è sempre stata all’insegna dell’«oltre». È scampato a un’infanzia di violenza e povertà, si è arruolato nella Folgore e poi ha fatto mille lavori, ma a quarant’anni ha mollato tutto per darsi alle gare estreme, prima il triathlon e poi le ultramaratone, dove ha trovato quella libertà che la vita ordinaria non gli dava. Ha solcato quasi tutti i deserti del mondo, ha rischiato di morire per una peritonite in quello egiziano, dove è stato salvato dai beduini, ed è uscito vivo anche dalla terribile prova nei ghiacci del Canada. Oggi, con le sue protesi ipertecnologiche, il nuovo Zanda è già intenzionato a ritornare sui sentieri dell’avventura, e ad aprile 2019 correrà nel deserto della Namibia. Intanto, la sua storia sta appassionando media italiani e internazionali, per il suo esempio di tenacia, di una vita al massimo capace di rinascere, oltre i limiti del corpo e della rassegnazione. Questo libro racconta il segreto di tanta forza e ci fa riscoprire una verità ignorata da molti di noi: che la vita va amata oltre ogni misura.


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41s5FAqHUqL._SX303_BO1,204,203,200_.jpgL’abbraccio – 10 dicembre

(David Grossman – Mondadori)

Un breve, folgorante apologo sulla solitudine e sull’amore, scritto da uno dei più amati autori della grande letteratura contemporanea, e illustrato con i disegni di un’artista nota in campo internazionale, che ha esposto anche al Madre di Napoli e di cui è in allestimento una personale al Jeu de Paume di Parigi. Piccolo libro, elegante e raffinato, “L’abbraccio” è quasi un dono di David Grossman ai suoi lettori, perché ne facciano a loro volta dono alle persone che amano.

 

 

 

 


https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41vBjm9s9sL._SX321_BO1,204,203,200_.jpgA tutto c’è rimedio – 6 dicembre

(Helen Phillips – Safarà Editore)

Nei mondi distopici in cui si muovono gli indimenticabili personaggi dei racconti di “A tutto c’è rimedio”, partner robotici pronti a soddisfare i più inesprimibili desideri, inquietanti neomamme sosia, conoscitori di impossibili domande, individui pronti a fondersi con la propria anima gemella aliena, tutti impegnati a rimediare alle difficoltà delle indistricabili relazioni umane e a trovare il loro posto nel mondo naturale, troveremo le emozioni più autentiche che attraversano ognuno di noi: l’inevitabilità dell’amore, lo humour e la meraviglia del tessuto della vita come possibile risposta alle più grandi domande che siamo chiamati ad affrontare.

 


Ti sei perso le novità dei mesi precedenti? Clicca qui!


Per questo mese è tutto. Fatemi sapere se ne avete già letto qualcuno o se avete allungato la vostra wishlist.

Precedente Ogni volta che è Natale - Basilio Petruzza | Recensione Successivo Book Haul - Dicembre

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.