La nuvola e l’albero – Miriam Previati | Recensione

Titolo: La nuvola e l’albero

Autore: Miriam Previati

Casa editrice: Bookabook

Pagine: 112 – Prezzo: 10,00

Keywords: favola, rapporti, scelte

Voto: 4/5


Acquista QUI


Un giorno una nuvola si impiglia tra i rami di un albero che vive sulla cima di una collina. Nonostante i due abbiano caratteri esattamente opposti, si innamorano in un breve istante. Ma dopo i primi momenti così speciali, iniziano le difficoltà. Come fare a essere comunque felici insieme, anche quando i bisogni, i desideri e le paure fanno capolino? La nuvola e l’albero è una favola in cui il lettore è un burattinaio che tiene in mano i fili della storia. Trentatré cambi di scena e quattordici finali differenti descrivono ed esaminano le possibili dinamiche di ogni storia d’amore, anche quelle più insolite. La nuvola tornerà a solcare libera il cielo o sceglierà di portare con sé l’albero? E l’albero sarà disposto a far volare le sue radici per seguire la sua amata nuvola o preferirà rimanere sulla sua collina? A voi la scelta.


Guarda la foto su Instagram


Idea: 5

La nuvola e l’albero è una sorta di libro-game. Un libro in cui il lettore ha a disposizione 33 cambi di scena e 14 finali. I protagonisti di questa storia sono una nuvola e un albero. Due personaggi diversi, che per caso si incontrano e capiscono di voler stare insieme. Il punto è: possono una nuvola e un albero convivere pacificamente, senza che gli interessi di uno prevarichino su quelli dell’altro? Uno dei due dovrà rinunciare ai propri sogni, oppure riusciranno a trovare la soluzione per vivere felici insieme?

Sviluppo: 3

Ogni capitolo è lungo circa una pagina, o poco più, e alla fine vengono illustrate alcune scelte con il rispettivo numero di pagina. Se si decide che i protagonisti compiano una determinata azione bisogna andare alla pagina indicata e scoprire cosa succede. Non vengono però approfondite le scelte o le motivazioni dei personaggi ma ci si limita in un modo piuttosto meccanico a scegliere un’opzione e vedere cosa succede, arrivando così al finale in una manciata di minuti (si tratta infatti di circa una decina di pagine a racconto). Anche i finali a volte non sono molto sviluppati e rimangono il più delle volte aperti.

Tecnica: 4

La lettura scorre veloce e il linguaggio è molto semplice. Il narratore è esterno e la caratterizzazione dei personaggi è piuttosto scarna; capisco che il punto non siano tanto i personaggi in sè ma le conseguenze delle loro azioni, ma è anche vero che le azioni sono spesso motivate dalle esperienze passate e dalle emozioni. Devo ammettere che la mancanza di un background ben delineato non mi ha permesso un completo coinvolgimento.

Intrattenimento: 5

Il fatto di poter essere artefici del destino dei personaggi è molto interessante e divertente. E’ un libro che si adatta al lettore, che offre spunti di vista differenti e che, come un oracolo, avvisa il lettore che prendendo quella strada il risultato non potrà che essere quello. I 14 finali e i 33 cambi di scena permettono di rileggere il libro più volte e cogliere il messaggio più adatto in quel determinato momento.

Emozioni: 4

La nuvola e l’albero sono due oggetti che vengono utilizzati dall’autrice per rappresentare due persone che instaurano una relazione. E’ stata una scelta molto acuta quella di utilizzare la nuvola per rappresentare una personalità sfuggente, libera, impaziente, curiosa, impulsiva, coraggiosa; e l’albero per rappresentarne una più calma, riflessiva, paurosa e abitudinaria. I rapporti tra due persone con queste caratteristiche possono funzionare? Chi dei due rischia di venire sopraffatto dall’altro? C’è un modo giusto per comunicare? Miriam Previati ha raccolto in questo libro varie soluzioni possibili, sta a voi scegliere quale vi si adatta meglio e scoprire il vostro finale!

La nuvola e l’albero è un libro delicato. Analizza i rapporti in modo originale, sfruttando personaggi che rendono questa lettura adatta anche ai più piccoli. Un libro da leggere e rileggere più volte per allenarsi a vedere le cose da prospettive diverse e imparare da eventuali errori.


MIRIAM PREVIATI è nata a Ferrara nel 1986. Vive a Roma, dove sta realizzando con entusiasmo la sua carriera di attrice. Ha lavorato come grafica fantasista e inventa format di gioco urbano; organizza eventi ludici in tutta Italia per grandi e piccini. Scrive con passione fiabe, racconti e sceneggiature. Questa è la sua prima pubblicazione.


Recensione a cura di:

Precedente La distanza tra me e il ciliegio - Paola Peretti | Recensione Successivo Il profumo dello zucchero filato - Eleonora Pumati | Recensione