La felicità viaggia sempre in incognito – Laurent Gounelle | Recensione

felicità viaggia sempre in incognito

Titolo: La felicità viaggia sempre in incognito

Autore: Laurent Gounelle

Pagine: 400 – Prezzo: 6,99 (ebook)

Casa editrice: Sperling &Kupfer

Keywords: Sfide, economia, psicologia


È una tiepida sera d’estate e il cielo di Parigi risplende di stelle. Ma questo non basta a riscaldare il cuore di Alan: da quando Audrey, il suo grande amore, lo ha lasciato con un incomprensibile biglietto di addio, nulla sembra più avere un senso per lui. A ventiquattro anni, non ne può più di una vita che assomiglia troppo da vicino a un’unica, infinita serie di delusioni: un lavoro sempre più frustrante, il vuoto di un padre mai conosciuto, l’amore volato via. È così che, in cima alla Tour Eiffel, con le luci della città che brillano sotto di lui, Alan prende la sua decisione: la farà finita, salterà nel vuoto. Ma in quel momento si accorge che qualcuno lo sta chiamando. Uno sconosciuto. “Ascoltami, e farò di te un uomo felice.” Poche parole, eppure bastano per spalancare di fronte ad Alan una magia nuova: qualcuno, inaspettatamente, gli sta dando una seconda possibilità. Ora sta a lui scegliere se fidarsi o no dell’uomo misterioso che gli si è materializzato accanto, nel buio. E della sua stessa capacità di ritrovare la voglia di vivere e, soprattutto, l’amore. Anche a costo di correre il rischio più grande della sua vita. Dopo il bestseller “L’uomo che voleva essere felice”, Laurent Gounelle ci offre una nuova storia emozionante e piena di umanità che esplora l’universo dei sentimenti con delicatezza e passione, regalandoci un’autentica, inestimabile lezione di vita. Perché la felicità, a volte, è molto vicina: basta saperla cogliere.


book haulIn questo romanzo gli appassionati di psicologia e romanzi di formazione, come me, trovano pane per i loro denti. A differenza di quei libri in cui il protagonista ha un problema, incontra un guru che gli spiega due cosette e magicamente trova la forza per fare ciò che prima credeva impossibile, in questo libro vengono proposti dei veri e propri esercizi. Il patto che ha stretto con il signor Dubreuil è chiaro: “Fai tutto ciò che ti dico e non ti succederà nulla“. Alan, frastornato dall’assurdità di quell’incontro, sospeso a metri da terra, accetta la proposta.

Gli incontri dei due avvengono spesso nella villa di Dubreuil in cui Alan svela più o meno inconsapevolmente troppi dettagli di sè e delle sue insicurezze, spingendo così Dubreuil ad approfittarne per inventarsi le sfide che Alan dovrà affrontare. Il protagonista dovrà, ad esempio, entrare in una panetteria cambiando due o tre volte il proprio ordine, oppure contraddire un tassista durante l’intera corsa, oppure fumare una sigaretta nei momenti più impensabili della giornata, ecc…Ogni richiesta del dott. Dubreuil sembra insensata e fuoriluogo ma ha invece uno scopo ben preciso: far affrontare al ragazzo ogni sua paura e ogni suo timore per fargli capire quello che succederebbe dopo, ovvero, il più delle volte, nulla e che la felicità esiste e si può conquistare soltanto con un po’ di coraggio.

Verso la seconda metà del libro le confidenze e le avventure lasciano il posto a misteri, complotti e appostamenti. L’economia e i termini legati agli investimenti in Borsa monopolizzano capitoli interi appesantendo la lettura quasi fino alla fine del libro. Negli ultimi capitoli a tutte le domande che il lettore si pone vengono date delle risposte, conferendo all’intera storia un aspetto studiato e architettato alla perfezione.

La felicità viaggia sempre in incognito è un romanzo interessante, ricco di spunti di riflessione. La narrazione in prima persona permette al lettore di immedesimarsi maggiormente in Alan, mentre i pochissimi capitoli in terza persona anticipano una parte della storia che si rivelerà completamente soltanto alla fine.

Sai, ognuno di noi può vedere la vita come un terreno disseminato di trappole da evitare o come un vasto campo da gioco che offre a ogni angolo un’esperienza capace di arricchire chi la compie.


 

Lascia un commento

*