Il mondo in bianco e nero – Luigi Cardone | Recensione

Titolo: Il mondo in bianco e nero

Autore: Luigi Cardone – Sabrina Scaranello

Prezzo: 13,00 – Pagine: 20

Casa editrice: Eretica Edizioni

Keywords: diversità, favola, colori
Voto: 4/5

Ci fu un giorno in cui tutti i colori scomparvero dal mondo. Titan Nero li aveva rinchiusi nella grande luna dipinta e ben presto tutti divennero fotocopie delle loro fotocopie. Gli adulti non risentirono di questo ma i bambini iniziarono a diventare trasparenti. Andy Bianco non aveva alternative: doveva trovare la chiave che riaprisse negli uomini il lucchetto della vita a colori.


Guarda la foto su Instagram


Idea: 5

Il mondo in bianco e nero è una favola moderna adatta ai più piccoli ma sicuramente rivolta ad un pubblico più adulto che ne sappia apprezzare i messaggi racchiusi tra le righe. Il protagonista è Andy Bianco, una goccia (così raffigurata nelle illustrazioni di Sabrina Scaranello) che cerca di riportare nel mondo i colori che Titan Nero ha imprigionato nella luna dipinta a causa della troppa confusione che creavano. Alcuni bambini, senza i colori, iniziano a dimenticarli e a diventare trasparenti. Andy non può permettere che le nuove generazioni nascano senza conoscere i colori e così inizia la sua avventura.

Sviluppo: 4

Non essendo abituata a libri per bambini, e volendo sempre andare a fondo delle cose, mi verrebbe da dire che questo libro non è approfondito. E’ composto effettivamente da pochissime pagine ognuna delle quali riporta un’illustrazione e poche righe sotto di essa. Le azioni e le conseguenze appaiono superficiali ma, trattandosi di un libro per bambini, è logico pensare che troppi dettagli rischino di appesantire e annoiare. Ciò che conta è effettivamente il messaggio che questo libro vuole lanciare.

Tecnica: 4

Il libro non ha capitoli ed è ricco di illustrazioni realizzate a matita. Alcune parole sono state scritte con il colore corrispondente ed è apprezzabile il passaggio che avviene dal colore al bianco e nero seguendo la trama. I disegni sono molto semplici, perfettamente in linea con la storia. Peccato per le parole scritte in bianco che si perdono un po’ risultando poco visibili.

Intrattenimento: 4

Nonostante la brevità, si tratta di un libro che si fa leggere con interesse e semplicità. Il formato quadrato lo rende oltretutto trasportabile con facilità. I grandi ritorneranno piccini tuffandosi tra le pagine di questo libro, e per i più piccoli sarà l’occasione di vivere una semplice avventura colorata e avvincente. Trovo, infine, il prezzo un po’ troppo alto per un libricino così corto e piccolo.

Emozioni: 5

Leggendo tra le righe, questa favola racchiude molti messaggi. La goccia è il simbolo che più mi ha colpita e fatto ragionare: una goccia da sola non è nessuno, ma se si uniscono più gocce si forma il mare. L’unione che fa la forza, quindi. I colori, coprotagonisti di questa vicenda, vogliono rappresentare le diversità, che qualcuno cerca di abolire, ma che rendono il mondo meno noioso e piatto. Andy Bianco e Titan Nero, sono poi le due estremità, il bianco e il nero, che inizialmente combattono ma che, se uniti, possono creare qualcosa di speciale.

Il mondo in bianco e nero non è solo un libro per bambini ma è una lettura interessante che può insegnare qualcosa soprattutto ai più grandi. Il messaggio traspare senza difficoltà dalle pagine di questo libricino e, secondo la mia interpretazione, consiglia di “accettare anche gli altri colori e di non aver paura di mischiarsi con gli altri per creare nuove sfumature“.


Luigi Cardone è autore dei racconti per bambini Il gamberetto Willy (2016), Il regno di Amanita (2017). Menzione speciale per racconti rivolti ai bambini al concorso “La paura fa novanta righe” del FIPILI Horror Festival (2018).

Sabrina Scaranello, artista a tutto tondo, ama il disegno e le illustrazioni a 360°. Esegue ritratti, caricature, dipinti su pareti e su corpi. Ha illustrato i primi due libri di Luigi Cardone, Il gamberetto Willy e Il Regno di Amanita.


Recensione a cura di:

Precedente Formule Mortali - François Morlupi | Recensione Successivo Al cambio di Luna - Paola Merolli | Recensione