I mammiferi felici ridono fino a tarda notte – Giuditta Scalzi

 
 
Titolo: I mammiferi felici ridono fino a tarda notte
Autore: Giuditta Scalzi
Editore: Newton Compton
Pagine155
Prezzo: 9,90
Genere: Romanzo
—————————————————————————————————————————————————–
TRAMA:
Otto vive a Milano con i genitori e sogna di fare l’attore comico. A Firenze, in occasione di un provino, conosce Valentina. Lui figlio di operai, lei di una famiglia dell’alta aristocrazia milanese. Il ragazzo è consapevole della loro diversità, ma è impossibile rinunciare all’amore quando arriva. Così, per tentare di vincere ogni resistenza di Valentina, decide di portarla in vacanza nel caldo e assolato sud d’Italia. A bordo di una 600 del 1965 attraversano il Paese fino ad arrivare a Palinuro dove, in una stanzetta in affitto, trascorrono giorni magici. I mammiferi felici ormai ridono fino a tarda notte e già pensano al futuro come a qualcosa da costruire insieme. Ma durante il viaggio di ritorno Valentina ha un incidente e un’amnesia temporanea le cancella il ricordo di lui…
 
RECENSIONE:
Otto accompagna il lettore in un viaggio nei suoi pensieri, come se scrivesse un diario. Il narratore è lui, che racconta il suo passato, le sue scoperte, i suoi problemi e le sue idee toccando temi politici e di attualità senza farsi mancare qualche richiamo a personaggi di spettacolo.
 
“Se guardo l’immagine televisiva di Berlusconi penso a Andy Warhol. Cioè, a un’icona. Del suo vissuto, a guardarlo, non si capisce nulla. Se poi lo vedi parlare e gesticolare, allora ti spaventi. Uno così non lo vorresti nemmeno seduto alla tua tavola. Non c’è un perchè E’ soltanto un istinto di sopravvivenza. Che più o meno dovremmo avvertire tutti. Allora come mai uno così diventa addirittura presidente del Consiglio, nonostante un sesto senso legato alla tutela della specie ci abbia suggerito di evitarlo?”
 
Quando conosce Valentina, Otto ci racconta dei suoi sentimenti, dei suoi genitori altezzosi e delle sue manie da ragazza snob e viziata. Quando compra la macchina nuova, decidono di partire verso il sud Italia ma Valentina non apprezza molto nè la macchina nè i programmi che Otto sembra avere in mente. Ma presto le cose cambieranno e Otto si troverà di fronte ad un’altra Valentina, che apprezza l’avventura e le cose semplici, probabilmente grazie alla lontananza da tutto ciò che la condizionava. Anche se, su alcuni punti, rimane della stessa idea…

“Subito specifica che non ha intenzione di realizzare questi desideri mentre sta con me, se li tiene per dopo, quando la nostra storia d’amore sarà finita. Perchè nella sua mente, quando torna lucida, questa è una certezza. Io sono il suo presente, e questo è il mio tempo. Il suo futuro è faccenda che non mi riguarda. Appartiene a qualcun altro.”
 
 Quando poi, a causa di un incidente, Valentina perde la memoria, Otto si inventerà un modo per fargliela tornare che però non darà i risultati sperati mettendolo invece di fronte alla dura realtà…
 
“L’esistenza ammucchia la sofferenza sopra un viso, come la polvere in quegli antichi appartamenti dove nessuno viene più a rigovernare perchè tanto non ne vale la pena.”
 
MIA OPINIONE:
Sinceramente, non mi è piaciuto granchè. Non ha nè capo nè coda. Sembra una bozza, un’idea di base da cui partire per sviluppare un romanzo effettivo. Ha dalla sua il fatto di essere scorrevole, ironico, e profondo su alcuni temi (famiglia, cultura, amore) ma manca di contenuto. Non è poi ben chiaro quello che succede nella testa di Valentina oppure, se lo è, risulta troppo superficiale. 
L’ho letto in 2 giorni, non mi ha annoiata, ma mi ha lasciata a bocca asciutta pur essendo chiaro il messaggio che l’autrice voleva, credo, far arrivare ai lettori ovvero che bisogna metterci tutto l’impegno possibile anche se poi ne ricaveremo una delusione, perché comunque vada abbiamo vissuto un’esperienza importante, che ci ha lasciato qualcosa.

ESTRATTO (QUI)
 
Stato d’animo:perplesso
Atmosfera: nido d’amore, palcoscenico
Rimedi:    Per godersi il momento
               – Per sviluppare talenti e capacità nascoste
               – Per apprezzare le conseguenze positive di situazioni negative

                 

VOTO:

 
 
Precedente Acquisti #1 Successivo Prossime uscite ottobre #1