Book Haul – Febbraio 2019

Buongiorno lettori! Come ogni mese ecco un book haul in cui vi mostro i nuovi arrivi nella mia libreria. Come sempre non sono tutti acquisti ma anche omaggi da parte di case editrici ed autori. Buona lettura!

Il paese dei balocchi

(Pina Simonetti – Omaggio)

Lontani dalle loro realtà, circondati da coetanei e con la consapevolezza che non durerà per sempre, le protagoniste e i protagonisti di questo romanzo si perdono nella magia dell’Erasmus. Il campus universitario diviene il loro paese dei balocchi dove tutto è relativo e la morale sembra un concetto lontano, lontano quanto il loro paese di origine. Attraverso l’incontro con altre culture, spinti da un’irrefrenabile voglia di scoperta, le ragazze e i ragazzi liberano le proprie tentazioni rivelando una nuova versione di sé che li sprona a prendere decisioni inaspettate.


Gli occhi degli orologi

(Giorgia Spurio – Omaggio)

Anno 2048. Dopo le Nuove Crociate contro il terrorismo e l’immigrazione, gli Orologi sono diventati il dio del Tempo, lo strumento di controllo dei Governi. Gli alberi cadono come polvere d’argento a causa della contaminazione dall’amianto e dalle scorie radioattive, il buco dell’ozono si è ingigantito sempre più, la terra è prosciugata. Per le strade non si vedono bambini ma emarginati, gli adolescenti si bucano, le persone sono diventate degli automi e chi si libera sparisce come i desaparecidos, il peccato di essere diventa punibile. In questo mondo post apocalittico Julienne non vuole arrendersi alla desolazione. Lotta contro se stessa per dimenticare la propria famiglia e soprattutto suo padre ridotto dalla Grande Guerra a un alieno, e rivuole la sua infanzia felice. Un pensiero su tutti la ossessiona: diventare madre tramite la clinica Le Monde, all’apparenza un motel per appuntamenti, dove incontra Frèd. Tra flashback del passato e narrazione presente, il miraggio di una via di fuga rappresentata dalle «lucciole verdi» che lampeggiano all’orizzonte.


Ho chiesto rifugio al mondo

(Anna Faiola – Omaggio)

La storia di Asia e del suo viaggio in India, alla ricerca di un’identità perduta e della conoscenza di un modo tanto lontano che si svelerà ai suoi occhi cambiandola per sempre. Un romanzo per chi, come suggerisce il titolo, si sente smarrito, e il più delle volte, proprio dentro se stesso. “Ho chiesto rifugio al mondo” racconta la richiesta di un atto di coraggio “sentimentale”, quello volto all’abbandono del porto sicuro di casa al fine di comprendere cosa si cela oltre l’orizzonte. E oltre l’orizzonte ci sono gli “altri” e le loro storie, lontane ma sempre e comunque interconnesse; c’è il diverso e ancor più l’uguale. Oltre l’orizzonte si scopre la realtà delle cose, quella fatta di contrasti nei quali bisogna mantenere la capacità di trovare quanto ancora di bello resta nel marcio, cogliendo con coraggio la sfida di risvegliare un’umanità ormai morta negli esseri umani.


Perso, ritrovato &…

(Viola Antico – Omaggio)

Un nuovo negozio (forse neanche tanto nuovo come appare) è stato appena inaugurato e già piccoli gruppi di potenziali clienti si radunano davanti alla sua sede.
Più incuriositi che davvero convinti, si lasciano coinvolgere in un tour promozionale accuratamente organizzato e, fin da subito, si rendono conto di non trovarsi di fronte a un negozio come tutti gli altri.
A cominciare dal nome: PERSO, RITROVATO &…
Infatti, lo scopo di questo punto commerciale –uno dei tanti, in una città fin troppo affollata di vetrine- è quello di restituire oggetti smarriti a chi, per sbadataggine, disgrazia ed altro ancora, li ha smarriti.
Fin qui niente di originale, almeno all’apparenza.
Solo che anche gli oggetti in questione sono molto particolari e hanno poco a che fare con le cose che siamo abituati ad usare ogni giorno.
Nessuno, ad esempio, si sognerebbe di possedere un ferro da stiro a forma di ferro di cavallo o un vaso privo di fondo. E se magari a volte farebbe comodo un aggeggio chiamato PERDICOSE (non lasciatevi ingannare dal nome, è utilissimo!), è anche vero che una sauna portatile o un ombrello con lettore MP3 incorporato potrebbero, col tempo, diventare dei must irrinunciabili.
Queste ed altre sorprese sono contenute nella raccolta di storie che prende nome proprio dal negozio in questione.
Forse esiste davvero, nascosto tra palazzi e vicoli di elegante antichità. O forse è solo frutto di fantasia. In ogni caso, merita di essere esplorato a fondo.
A tutti capita di perdere qualcosa e non si può mai sapere dove ci potrà condurre la nostra ricerca.


Amati, odiati, mangiati…

(Hal Herzog – Acqusto)

La scena l’abbiamo vissuta tutti. A cena, di fronte a un invitante piatto di arrosto, sempre più spesso qualcuno solleva il dubbio: è eticamente lecito nutrirsi di carne? È l’argomento più volte sentito dall’amica vegetariana o il cavallo di battaglia del combattivo commensale, laureato in filosofia: mangiare carne è moralmente sbagliato, così come costringere certi animali a vivere in gabbia nei nostri minuscoli appartamenti, per non dire dell’abominio delle lotte tra galli o delle sperimentazioni mediche sui topi. La discussione prende spesso la piega di una distinzione netta tra buoni e cattivi, tra chi si mette dalla parte degli animali e chi, per varie ragioni, non lo fa. Ragionando con grande rigore scientifico, Hal Herzog usa qui tutto il suo umorismo e l’esperienza accumulata in vent’anni di studi per regalarci un libro spiazzante. Non c’è niente da fare: più a fondo si va nelle questioni legate all’etica delle nostre relazioni con gli animali più le carte si mescolano, le contraddizioni affiorano e il confine tra bene e male si fa incerto. Poco importa quali siano ora le vostre opinioni sugli animali e sull’uomo: dopo aver letto questo libro probabilmente saranno cambiate.


Blu

(Sabina Matz – Omaggio)

2025. Rosi è a bordo della sua nuova Mercedes con Paolo, parlano del loro matrimonio. Una macchina in lontananza sbarra la strada, un uomo in piedi, i freni non rispondono, e poi l’impatto. 2027. Maxina si risveglia dopo un coma durato due anni. Non ricorda nulla. Neppure il suo viso quando le mostrano una foto dicendole che adesso è diverso per via delle plastiche. Nulla. Lei è nata quel giorno. Fragile, ingenua e stralunata, Maxina si lascia alle spalle tutto ciò che era connesso alla sua vecchia identità, decisa a vivere la nuova vita lontana dalle logiche comuni e dalla morale che la famiglia le impone. Insofferente, decide così di allontanarsi e andare nell’unico posto dove si sente accettata, tra i diversi come lei: nella periferia della città. Qui incontra Svetlana che si prenderà cura di lei, e poi Alex in fuga da una vita che sembra aver perso ogni senso.


Swing

(Marco Gnemmi – Omaggio)

“Vedi, Young, le persone come noi creano, convergono al bello, trovando pace dal tormento e amore dalla fine, poi camminano su quel ponte sospeso di travi tarlate e umide, che scrocchiano sotto il peso delle auto, dei sogni e degli incubi. A ogni passo un brivido e un aggiustare di baricentro. Infine o cadono o restano. Quel cadere è noto, mentre il restare è la vita stessa”. Attraverso il dramma di una separazione, nel turbinio di stati emotivi scostanti e contraddittori, Johnny si butta a capofitto nella musica swing degli anni ’40. Nonostante viva nell’illusione di allontanare a morsi la tristezza, stringendo a sé il sassofono come fosse uno scudo, sfiora l’autodistruzione. Pur attorniato dai fantasmi di vecchi musicisti e da altri personaggi reali, Johnny si chiuderà sempre più in se stesso. Ci sarà però un casuale cambiamento che lo risolleverà. Potrà ora Johnny trovare una nuova fiducia insperata?


Fotografia creativa – Corso con esercizi per svegliare l’artista che dorme dentro di te

(Franco Fontana – Acquisto)

“I fotografi creativi riflettono se stessi nel mondo, e del mondo si fanno specchio: così, riescono a rendere visibile l’invisibile e a lasciare indelebile traccia del loro sguardo. Anche tu, con questo corso, puoi diventare un fotografo creativo. Ti indurrò a correre rischi e a fare a pezzi le reqole.” Impara a catturare i colori con l’esercizio del rosso, lasciati sorprendere da ciò che conosci con l’esercizio del viaggio, esplora il lato oscuro della tua creatività con l’esercizio del rifiuto, immergiti in profondità dentro di te con l’esercizio dell’essere e dell’apparire… Scopri e sviluppa il tuo talento grazie all’esperienza di un grande maestro della fotografia.


Vi piacciono? Li avete già letti? Fatemi sapere cosa ne pensate. Al prossimo Book Haul!


Precedente Il garzone del boia - Simone Censi | Recensione Successivo Per farcela - Marco Di Carlo | Recensione